Pene artificiale. Ho già un account su l’Adige.it

pene artificiale

E' questo lo scopo di "Robot Penis", uno dei progetti della Scuola Sant'Anna di Pisa presentati a un gruppo di potenziali investitori e di imprenditori affermati, in occasione del corso "High-tech business venturing".

pene artificiale

Sergio Tarantino, Alessandro Diodato e Andrea Cafarelli, sono i tre ricercatori che lavorano al progetto. La possibilita' di controllare la protesi tramite il pensiero e gli stimoli pene artificiale, garantendo alla persona che la 'indossa' il piacere sessuale, grazie al sistema di sensorizzazione, rendono questo sistema come particolarmente innovativo, rispetto alle soluzioni attuali".

Infatti, in caso di ricostruzione chirurgica del pene falloplastica il paziente recupera la percezione del piacere soltanto in maniera limitata e l'erezione avviene tramite controllo manuale e non come nel caso del "Robot Penis", quando si manifesta il desiderio sessuale.

pene artificiale

L'idea, nata inizialmente quasi per gioco, affonda le sue radici nell'esperienza dell'istituto di BioRobotica nella realizzazione di sistemi robotici di altissimo impatto tecnologico e di protesi come quelle di mano". Il prossimo passo sara' la ricerca di finanziamenti, "con l'auspicio di giungere nei prossimi 12 mesi ad pene artificiale prototipo funzionante della protesi robotica e nel giro di pochi anni arrivare cosi' alla commercializzazione del dispositivo", hanno etto i ricercatori.

Il target di questa protesi -hanno concluso - e' costituito sia da pazienti che, a causa di un carcinoma, hanno subito una penectomia, sia da coloro che pene artificiale un percorso di transizione di genere".

pene artificiale

Potresti essere interessato